Home

Mi presento... Dance & Remix World Links TV via SAT e SKY Attualità e riflessioni

 

Gli Amici di sempre

 

 

In questa pagina ho voluto ricordare un po' di amici coi quali mi è capitato di trascorrere dei bei momenti. Mi scuso se dovessi imperdonabilmente dimenticare qualcuno, ma magari dipende dal fatto che per ora non sono riuscito a trovare nessuna immagine da inserire. Anzi, invito tutti gli amici che dovessero accorgersi della loro assenza a farmi avere una qualche loro immagine, magari che ci ritragga insieme, così provvederò sicuramente all'inserimento e alla citazione!

 

Andrea G-brasc e Roberto Brandolini

In questa immagine del 1999 sono ritratto con Roberto Brandolini, uno dei miei più cari amici. Conosciuto nel lontano 1993, già da molti anni è da considerare tra i personaggi storici della radiofonia locale. Attualmente si occupa di parte della programmazione di Radio RAI e, nel suo curriculum, ha esperienze davvero incredibili e di grande professionalità, come quella de "L'Aradio Città Uno", un'Emittente, della quale era direttore, che qui a Roma negli anni '80 fece davvero epoca e che lo vide protagonista in prima persona sia della scelta musicale, basata sul Rock e sulla New Wave del periodo, che dei programmi di intrattenimento, tra i quali sono da ricordare le memorabili "contro-pubblicità", ovvero delle esilaranti parodie dei più famosi spot pubblicitari. Ovviamente appassionatissimo di tecnologia, oltre che di musica, a lui devo molto, perché credo che i suoi suggerimenti ed i suoi consigli tecnici siano stati abbastanza determinanti per portare avanti al meglio diversi aspetti della mia attività di DJ, mi riferisco soprattutto al lavoro informatico che c'è dietro la realizzazione dei miei vari Remix e di altri lavori di editing (vedi apposita sezione) e a determinate scelte musicali da proporre in discoteca. Tra l'altro per alcuni anni (dal 1999 al 2002) abbiamo condiviso la consolle del Max's Bar, dove io suonavo il venerdì e lui il sabato.

Qui, invece, Roberto è ritratto con Max, durante una gita "fuori porta" al Terminillo, una località sciistica che si trova in provincia di Rieti, a un'ottantina di chilometri da Roma. Sebbene fosse Agosto, ricordo che in questa occasione sentimmo il bisogno di riscaldarci bevendo un grappino all'interno del rifugio che si trovava nei pressi della seggiovia che ci aveva portato lassù sulla cima...

Max e Roberto Brandolini - Monte Terminillo (RI)

Roberto

Un altro Roberto!... Si tratta in questo caso di quello che potremo considerare a tutti gli effetti "il DJ storico del Max's Bar". Certo è davvero curioso riflettere su quanti personaggi per me importanti abbiano una relazione con questo locale! Nel caso di Roberto ricordo che facemmo amicizia praticamente in millisecondi, del resto è una persona così spontanea, con una simpatia talmente trascinante e disarmante... Indimenticabili "i nostri lunedì sera" trascorsi tutti assieme (nel senso che eravamo una comitiva di almeno una decina di persone), approfittando dell'allora giorno di chiusura del Max's Bar, il che permetteva a Roberto di non doversi recare al locale entro le 23. Fu lui a spingermi, quasi a sorpresa, a tentare di propormi come DJ in questo locale per la prima volta nel lontano 1994. Accadde più o meno così: gli chiesi "Ti andrebbe di suonare Robin S?" Mi rispose "Senti, io vado a prendermi da bere, mettila da te!" ...Non so cosa scattò, è vero che in fondo qualche trascorso già lo avevo (limitatamente a vecchie feste con amici), ma in un LOCALE (!) non mi ero davvero MAI proposto, eppure... Iniziò così!

Questi sono (da sinistra) Alessio e Ivano, detto "Il Professore". La foto risale nientemeno che al lontano 1988 e li ritrae in un momento in cui si cimentavano nell'emulazione di qualche gruppo Rock, come i Deep Purple o i Led Zeppelin... Ma, al dì là della riuscita del tentativo (sulla quale non mi pronuncio), penso di dovere a loro, soprattutto ad Alessio, parte della mia formazione musicale. Infatti, oltre a conoscere ed apprezzare alcuni pezzi storici dei gruppi appena citati, grazie a lui ho approfondito la conoscenza dei Pink Floyd dai tempi di "The Piper at the Gates of Dawn" (con l'enigmatico Syd Barrett) all'allora attuale "A Momentary Lapse of Reason". Ne rimasi letteralmente folgorato, in particolare mi stupii di non aver mai ascoltato prima quel capolavoro di "The Dark Side of the Moon"... Credo anzi che qualunque altra citazione risulterebbe limitante nei confronti di ogni altra produzione di questo gruppo. Tra l'altro con Alessio ho scoperto anche il gusto di "riadattare" e suonare assieme alcuni loro pezzi, per pianoforte (per il quale anni prima avevo preso diverse lezioni) e chitarra. Al contrario di Alessio, tendenzialmente calmo, anche se a volte un po' "crepuscolare", di Ivano non posso non citare il temperamento accesissimo, a tratti persino "irritabile", ma irresistibilmente divertente ed incisivo nelle sue citazioni storico-politico-cinematografiche! Anzi, per quelle cinematografiche spesso ci si diverte insieme a ricordare ed imitare, per quanto possibile, i molteplici personaggi proposti negli anni '80 da Carlo Verdone, in particolare Furio e Don Alfio ("...E ccome non me lo rruocordo?!").

Alessio e Ivano (il Professore)

Andrea G-brasc e Alessio - La Banda Bassotti

Un Carnevale che risale forse al 1989... Ricordo che era in qualche modo d'obbligo la maschera, ma non si sapeva bene cosa inventare, senza contare che in fondo né a me né ad Alessio (qui con me nella foto, a destra) faceva impazzire l'idea di cercare un costume adatto... Poi ecco l'idea: la Banda Bassotti! Del resto non era un travestimento particolarmente difficile, oltre alla mascherina nera e il cartellino con il numero di matricola, bastavano dei pantaloni blu, un maglione rosso e, al limite, un paio di guanti gialli... Sono comunque molto contento del fatto che con Alessio, con Ivano, con Antonello (che compare nella foto seguente) ed altri sia rimasto tuttora in contatto e che la nostra amicizia risulti inalterata nel tempo. Tra l'altro c'è anche da dire che poi Alessio si è sposato con Barbara, una mia amica di infanzia (ed hanno anche un bimbo bello e simpaticissimo, Gabriele), e questo credo abbia in qualche modo avvalorato la storica amicizia che provo per entrambi.

In questa immagine, scattata nel 1988 a Fano, compaiono da sinistra Marco, Ivano e Antonello (che appare anche in un altra sezione di questo sito Web, insieme con Stefania). Abbiamo trascorso parte dell'Estate di quell'anno nei pressi di Gubbio in una deliziosa (soprattutto per la strepitosa cucina!) pensioncina locale davvero tranquilla e dalla quale, se capitava la voglia di alternare un po' di mare ai monti di Gubbio, alcune volte partivamo alla volta di Fano: bastava prendere la via Flaminia e percorrerla per circa ottanta chilometri attraverso la provincia di Pesaro (molto bella la Gola del Furlo, attraverso la quale si passava durante il tragitto). 

Marco, Ivano e Antonello - Fano (PS) 1988

Stefano... "Rimbaglionito"!

E qui possiamo "ammirare" Stefano, un'altro dei miei più cari amici, pure di vecchia data, visto che ci conoscemmo nel 1990 alla Caserma Macao di Roma dove entrambi svolgevamo il servizio di leva. Diventammo amici nel giro di pochi attimi, complici le battute del Trio Lopez - Marchesini - Solenghi (ricordate a memoria tuttora!), dei quali proprio in quel periodo andava in onda in TV la "rivisitazione" a puntate de "I Promessi Sposi"... Abbiamo condiviso insieme molti momenti, in alcuni periodi siamo stati letteralmente inseparabili, nonostante questioni lavoro, fidanzamenti o impegni familiari rispettivi. Anche con altri amici ho scoperto di avere molta empatia e la capacità di capirsi al volo... Ma parlando di Stefano, credo di condividere con lui una perfetta somiglianza dell'aspetto del carattere riferito alla parte più scherzosa ed ilare, il senso dell'umorismo insomma! La cosa però vale anche per il versante più "emozionale" della personalità, altrimenti penso proprio che non sarebbe stato possibile mantenere un'amicizia così profonda e, al tempo stesso, spensierata per tutti questi tanti anni... Ah, dimenticavo: questa foto è stata scattata (non da me) durante un concerto di Claudio Baglioni, suo cantautore preferito (notare l'espressione "rimbaglionita"...). E dal 2005 c'è una novità, Stefano è diventato a tutti gli effetti una persona di famiglia: lui e mia sorella, infatti, hanno pensato bene di "approfondire" la loro reciproca simpatia...!

Gabriele è davvero "un personaggio"! Conosciuto insieme ad Andrea (vedi di seguito) al mare ad Ostia, precisamente a Capocotta, è una delle persone (includendo lo stesso Andrea appena citato) con le quali mi è capitato di ridere più di gusto, proprio di cuore (un po' come con Stefano, citato poco fa), Infatti anche con Gabriele abbiamo trovato una spiccata similitudine nei  meccanismi che ci portano ad una sana risata! Non nascondo che spesso proviamo un "gusto sadico" nel prenderci in giro a vicenda anche in modalità che altri troverebbero tremendamente offensive o imbarazzanti... Ma a noi diverte davvero troppo, principalmente quel pizzico di auto-ironia della quale siamo fortunatamente dotati (impagabile quel nostro modo di porre la nostra attenzione sui reciproci difetti, anche fisici!). Riporto, tanto per farmi capire meglio, una battuta cattivissima che gli rivolsi qualche tempo fa: "Caro, se la tua forma fisica fosse sottile come la perfidia delle tue battute, smetteresti definitivamente di avere problemi di colesterolo!". Veneto di nascita, vive a Bologna, dove è sempre un piacere andarlo a trovare (peccato che ultimamente non capiti spesso, visti i miei impegni fine settimanali), perché è un amico sempre ospitale, solare, sorridente e sincero. Troppo divertente anche la disinvoltura con la quale passa dal parlare Bolognese al dialetto Veneto, quest'ultimo molto usato anche da me, perché mi suona particolarmente buffo quando è necessario esclamare un po' di "cattiverie verbali" nei confronti di qualcuno... "...Te si 'na falsa e 'na busiera!"

Gabriele

Andrea (TN) e Max

In questa immagine, già presentata in un'altra sezione, insieme con Max compare Andrea, un carissimo amico che vive a Levico Terme, poco distante da Trento. Andrea con noi è sempre molto brillante e solare e mi piace molto intrattenermi con lui in commenti sul mondo musicale, cinematografico o della politica, lasciandoci spesso andare in battutacce sarcastiche e ciniche... Come anche resta negli annali la famosa battuta divenuta tra noi oramai un tormentone e che viene riesumata ogni volta che si annunci una sua visita Roma o un nostro viaggio in Trentino... "Che bello! Quando è che che hai detto che vieni? Il 15 Maggio?... MI DISSSPIACE... Siamo impegnati altrove!" Ovviamente sono pure indimenticabili quelle giornate fine settimanali ad Ostia in Estate anche con Gabriele, quando ci siamo conosciuti... E le serate tutti insieme, che il più delle volte si concludevano al ristorante Cinese da Giada a Via Cavour a Roma... Praticamente trascorrevamo più di tre quarti del tempo insieme ridendo di qualunque cosa sino a star male!

Nell'Estate del 1994 mi sono venuti a trovare in Veneto un paio di amici: ho ritrovato a tal proposito questa vecchia foto che mi ritrae con Claudio a Piazza San Marco a Venezia, durante una gita organizzata in quattro e quattr'otto. Infatti dalla casa in Veneto basta un attimo per recarsi a Bassano del Grappa e prendere il primo treno che in meno di un'ora ti porta a Venezia in pieno centro (ne partono di continuo). Claudio è un'altra di quelle persone con le quali l'amicizia è nata nel giro di pochi minuti (nel Febbraio 1994) e dura ancora oggi. Assai preparato ed informato su moltissimi argomenti, è davvero un piacere affrontare con lui qualsiasi tipo conversazione. Per entrambi è molto bello ancora oggi ricordare quell'anno (il '94 per l'appunto) durante il quale abbiamo passato parte delle vacanze estive e diversi altri bei momenti assieme alla comitiva di amici che frequentavamo in quel periodo... Senza contare che per entrambi il 1994 fu anche l'anno della realizzazione professionale, scusate se è poco!

Andrea G-brasc e Caludio - Venezia 1994

Annamaria, Andrea G-brasc, Marisa, Matteo - San Vito lo Capo 2005

A dire il vero a questo questo "gruppetto" ho già fatto riferimento in un altra sezione del sito, ma, in quanto amici, mi dispiaceva non includerli anche in questa pagina. Da sinistra appaiono, Annamaria, il sottoscritto, Marisa e Matteo. Annamaria e Marisa hanno coniato un curioso termine Siciliano, "marvaggeddu", che loro applicano a determinati soggetti che possano risultare di loro interesse per conoscenze approfondite... Sono entrambe simpaticissime e la sensazione comune, quando ci siamo incontrati per la prima volta, è stata quella di conoscerci già da tempo. Molto piacevoli le passeggiate serali, dopo cena, con ripetute soste nei diversi locali che caratterizzano San Vito lo Capo, per bere qualche birra o qualche gustoso cocktail, tanto per alimentare la voglia di lasciarci andare (come se ce ne fosse stato bisogno) a scambiarci confidenze, raccontarci aneddoti buffi e ridendo di gusto... Anche di Matteo ho già parlato nel sito, è una persona molto simpatica e profonda con la quale sia io che Max sentiamo di avere molto in comune. E' uno dei fratelli che gestisce l'Hotel Tannure dove soggiorniamo a San Vito lo Capo.

Qui, insieme a me, vediamo (da sinistra) Giuseppe e Paolo. Si tratta di due nostri cari amici di Messina, coi quali amiamo trascorrere un po' di tempo quando ci troviamo in Sicilia per le nostre ferie. Dal momento che sino al 2005, pur essendo nati e vissuti da sempre in Sicilia, non erano mai stati in quella meraviglia che è San Vito, in questa Estate del 2005 siamo riusciti a coinvolgerli in una gita di una giornata durante la quale ci siamo goduti un po' di questo piccolo paradiso. Pensate un po', eravamo tornati a Messina da San Vito da appena due o tre giorni. Purtroppo però a Messina nell'Estate 2005 non ha fatto altro che piovere a dirotto e, stufi della situazione, decidemmo un giorno (quello nel quale è stata scattata questa foto) di partire di buon'ora per tornare a San Vito, stavolta con Paolo e Giuseppe, per goderci una giornata di sole, dopo una minuziosa consultazione delle previsioni Meteo che fortunatamente si sono rivelate attendibilissime! Entrambi questi nostri amici ci stupiscono ogni volta con le loro incredibili creatività ed originalità che esprimono nei modi più disparati, anche con oggetti di artigianato, accessori vari o addirittura arredi per la casa prodotti da loro stessi.

Giuseppe, Paolo e Andrea G-brasc - San Vito lo Capo 2005

Maria Luisa

Restiamo in Sicilia per ricordare anche un'altra persona che conosco da molti anni. Si tratta di Maria Luisa, la sorella di Max, che pure conosco dal 1997. Che dire di lei? E' una persona che mi ha sempre colpito positivamente, oltre che per i suoi bellissimi occhi celesti, per la sua schiettezza e per il fatto di apparire come una persona pratica e con i piedi per terra. Peccato che abbia a volte la tendenza a farsi prendere la mano da eventi, spesso causati da solenni malintesi o equivoci, che la portano a maturare con aggressiva impulsività posizioni e assai drastiche che rischiano di portarla ad isolarsi da chi le ha sempre dimostrato disinteressatamente il proprio affetto. Tuttavia non sfugge, magari dopo un po' di tempo, a riesaminare i fatti con calma e a concedersi un'attenta e rilassata autoanalisi che le permette di risolvere brillantemente tutti gli aspetti di ogni questione...

Anche questa immagine, come altre di questa pagina, risale al 2005 ed è stata scattata a Porto degli Infreschi, nei pressi di Marina di Camerota (in un'altra sezione del sito è possibile vedere altre immagini di questa bellissima località). Qui a Roma capita spesso di trascorrere un po' di tempo con questi nostri amici in compagnia dei quali ci siamo sempre sentito completamente a nostro agio e coi  quali è possibile parlare di qualunque argomento anche personale, confidando nella loro assoluta e complice riservatezza. Io personalmente con Antonio condivido anche parecchi aspetti della mia passione per la tecnologia, mentre con Cinzia quella per la cucina... Nel senso che quando li andiamo a trovare lei prepara, io mangio! No, scherzi a parte, ci divertiamo molto a scherzare (o auto-ironizzare) su particolari caratteristiche che ci contraddistinguono o anche su chi è lì con noi (e spessissimo il destinatario di molte "frecciatine" è proprio Max!)...

Antonio, Cinzia, Max e Giulia - Porto degli Infreschi, 2005

 

 

 

 

Torna indietro

 

 

Home

Mi presento... Dance & Remix World Links TV via SAT e SKY Attualità e riflessioni