Home Page

Mi presento... Immagini Dance & Remix World Links TV via SAT e SKY

 

 

Angelo Pezzana su "Libero" si prende gioco

di chi vive in una situazione di coppia di fatto

 

 

di Andrea G-brasc

 

 

Libero12 Dicembre 2006: su LIBERO appare un surreale articolo che offre un ritratto del tutto distorto ed offensivo per chi vive in una "coppia di fatto".

Ormai ci siamo. Pare proprio che sia giunte il momento di aprire in Parlamento una discussione che dovrebbe (il condizionale è ancora d'obbligo) finalmente colmare il vuoto legislativo in tema di convivenze more uxorio. Tuttavia c'è ancora chi fa allegramente scempio di buonsenso e buon gusto per esternare concetti e frasi quantomeno deliranti... Non riporterò per ragioni di lunghezza l'articolo per intero (chi vorrà potrà comunque leggerlo tramite questo link), ma ne commenterò le parti più "interessanti". Ribadisco di essere serissimo quando riconosco di averne colto persino degli spunti a tratti divertenti... Anche perché man mano che la lettura proseguiva, mi sembrava di vedere e udire in modo sempre più distinto Corrado Guzzanti nell'imitazione di un gracchiante gerarca in piena crisi nostalgica, sebbene forse lo stesso Guzzanti (Corrado, non Paolo) stavolta avrebbe davvero rischiato di non riuscire così bene nell'impresa!

Ma andiamo pure a leggere e commentare (in bianco i brani tratti dall'articolo).

 

Tutto è iniziato quando gli omosessuali si sono messi in testa di essere come gli eterosessuali.
Ah sì? E quando è successa questa cosa terribile? Nessuno si è messo in testa nulla, se le caratteristiche del gusto sessuale vengono considerate fondamentali per stabilire una "categoria" per identificare le persone come uguali o diverse tra loro, stiamo messi bene... Possibile che a nessuno venga mai in mente la più vaga idea di unicità di ogni singolo essere umano?

...Solo che gli omosessuali, sull'onda del grande cambiamento di costume partito dal '68 (non erano mica tutti bombaroli) e giunto attraverso tappe vincenti fino al ventunesimo secolo, si sono montati la testa. Sta a vedere, si sono sicuramente detti, che qui non solo riusciamo a rivendicare e ottenere quel che sempre ci è stato negato, ma ce la facciamo anche a far fuori le loro stramaledette istituzioni, in primis la famiglia [...]
Il Sig. Pezzana dimostra di avere un'idea davvero curiosa delle istituzioni e della famiglia... Forse confonde il movimento di contestazione del '68 con la richiesta del rispetto di diritti di base da parte di un milioncino (almeno) di persone circa...

sarà uno scherzo ottenere il riconoscimento delle coppie di fatto, cioè le unioni tra due uomini o tra due donne [...]
...Del resto un'unione, magari una vita insieme more uxorio tra una donna ed un uomo NON E' coppia di fatto, no?

[...] un uomo e da una donna uniti nel vincolo del matrimonio con il fine della procreazione - e se il vincolo non è sacro, pazienza, non è una tragedia, e se anche non è più, purtroppo, indissolubile, ancora pazienza, l'importante è che la baracca resti in piedi.
Interessante l'accomunare il matrimonio (purtroppo non più indissolubile!) ad una baracca che deve restare in piedi... Ma sì, dai, è ovvio che si tratta di uno scherzo...!

All'inizio ci saranno le esenzioni delle tasse di successione, poi arriverà la pensione reversibile, salterà pure la legittima ai famigliari, perché verranno riconosciuti i diritti testamentari del partner e così addio ai soldi del celibe defunto, che fino ad oggi rientravano tranquillamente quasi sempre in famiglia. Erediterà il sopravvissuto e noi, parenti, non vedremo neanche un euro.
Sembra quasi che il Sig. Pezzana attenda ansiosamente la dipartita di qualche (facoltoso) parente prossimo che vive in una situazione di coppia di fatto. Sarei curioso di conoscere, a riguardo di tale affermazione, persino il parere dei tanti sacerdoti, vescovi e cardinali, malgrado disapprovino proposte di legge a tutela delle persone che vivono tale situazione.

È vero che non ce li saremmo meritati, in fondo avere avuto un parente omosessuale non era certo una cosa da sbandierare con orgoglio, come pretenderebbero oggi questi qua con i loro Pride. Ci vergognavamo, certo, ma è normale, no? Ma è vero che in tarda età li riaccoglievamo nel seno della comune famiglia, e lì sì che l'effetto e l'attenzione tornavano a dimostrarsi, ci prendevamo cura persino dei loro interessi, che loro, poverini, per motivi di età non potevano più seguire con l'attenzione dovuta.
Pensate un po'.... Bontà sua, quale fulgido esempio di (disinteressata) Carità Cristiana!

Perché, diciamocelo chiaro, questi omosessuali hanno goduto fino ad oggi dei privilegi pazzeschi, altro che discriminazioni, ed è ora di gridarlo ai quattro venti. Hanno fatto sesso liberamente per tutta la vita, un'occhiata complice e via, in quattro e quattr'otto erano già belle che a letto. Mentre noi perdevamo il nostro tempo con il corteggiamento, con le belle maniere.
Adesso è chiaro... E' solo una questione di invidia! Tutto questo sesso (solitamente gratis... Ah, però! Non sarà mica questo il principale motivo d'invidia?!) quando qualcun altro il sesso lo ha invece dovuto teorizzare o idealizzare per anni ed anni (o consumare in solitudine, qualora non si sia preoccupato troppo dei dettami della Bibbia)... Se poi il corteggiamento e le belle maniere erano considerati tempo perso, non ci si può sorprendere se poi tanti matrimoni falliscono (e di conseguenza non ci possiamo sorprendere neppure noi a fronte di certe esternazioni!).

Mentre noi ci davamo gli appuntamenti, quelli avevano già concluso. È vero che non hanno mai potuto legalizzare qualsiasi tipo di unione, ma vuoi mettere una vita dove fai sesso con chi vuoi, rientri a casa senza dover rendere conto a nessuno, mangi, dormi o guardi la Tv solo se ti va, vai in vacanza dove vuoi tu e non dove vogliono tua moglie o i bambini?
Brutta cosa l'invidia... Acceca proprio! Qui emerge tutto il senso di rabbia di chi in famiglia ha sempre contato meno del due di coppe in una partita a briscola dove regna il seme dei bastoni! ...Il tutto forse condito con generose dosi di frustrazione sessuale. Perché viene proprio da domandarsi cosa avrà mai dovuto subire nella propria vita chi si scaglia con tanta ferocia contro le coppie di fatto, viste le evidenti recriminazioni riferite alla famiglia tradizionale?

[...] possono separarsi senza spendere un euro in avvocati, niente assegni da passare all'ex, che ti mangiano più di metà di quello che guadagni! E il divorzio? Solo noi ex sposati sappiamo quale calvario sia, e quanto denaro costi. Diciamola tutta, il matrimonio, la separazione, il divorzio sono state le cause delle nostre più grosse infelicità.
Magari basterebbero un po' di accortezza in più e un po' di superficialità in meno prima di intraprendere una vita insieme (mi sa che parlando di invidia ho indovinato)... Ad ogni modo si tranquillizzi chi si scaglia con così tanto livore contro le coppie di fatto: nel momento in cui l'attuale vuoto legislativo dovesse essere colmato, le suddette coppie sapranno fare tesoro di una conquista così preziosa.

E questi sporcaccioni, ma anche stupidi, perché non hanno mai capito in quale paradiso terrestre vivevano, vogliono fare la nostra stessa fine? Ma accontentiamoli, dopo duemila anni che scopano liberamente, sono lì che smaniano per avere quello che a noi ha sempre pesato. E allora diamoglielo questo matrimonio, che si illudano anche loro, se gli basta una cerimonia con i chicchi di riso per credere di avere trovato l'amore eterno, si sposino, poveretti, non sanno quale inferno li aspetta.
E insite. Offende, persino! ...Ma no, dai, lo abbiamo detto che è solo uno scherzo...! In gamba, però, il Sig. Pezzana a voler cercare di sdrammatizzare in modo così elegantemente ironico la grama esistenza di chi ha vissuto o vive il dramma del matrimonio!

Si preparino ad uscire dalle statistiche che li raffigurano sempre tra i grandi spendaccioni. Lo credo, fino ad ora avevano solo da pensare a loro stessi, comoda la vita! Allevino famiglia e figli, li voglio proprio vedere. Invece di punirli, come credo anche il buon Dio vorrebbe per la loro condotta scostumata, dandogli anche a loro tutte le maledizioni che abbiamo saputo costruirci per renderci la vita insopportabile (ma anche, quando ci va bene, complicata) [...]
A me personalmente sarebbe piaciuto entrare nei parametri di tale statistica! Riguardo il buon Dio, si faccia sempre molta attenzione (ed un buon esame di coscienza) prima di invocare il Suo intervento o di interpretarNe il volere. Il buon Dio, invece, sa la fatica che può costare e di conseguenza l'alto valore che può rappresentare la vita in una situazione di coppia di fatto quando non ci si può sposare (e quando chi ne ha la facoltà disprezza questa possibilità). Pianificare ogni spesa in una casa che un domani si potrebbe essere costretti ad abbandonare (e tutti sanno che gli "atti privati" ed i testamenti sono impugnabili). O avere il proprio compagno o la propria compagna malato/a, magari in fin di vita, privo/a di conoscenza, senza poter partecipare attivamente all'assistenza e le cure necessarie. Del resto chi si scopre omosessuale, condizione che ovviamente non si sceglie, "logicamente" non può sposarsi, anche quando desidera rimanere insieme una vita alla persona che ama e con la quale crede in un futuro da investire insieme. Inoltre complimenti, di scherzo in scherzo, per il "dandogli anche a loro", davvero impeccabile nella forma!

[...] noi abbiamo scelto di opporci alle loro richieste di "equiparazione", vogliamo che la loro vita continui così come è stata finora, libera, senza legami, senza eccessive responsabilità, con quell'amore libero che i poeti hanno sempre cantato e che loro, 'sti gnocchi di omosessuali, hanno sempre avuto. Ma così si scavano la fossa da soli E loro ci considerano nemici da combattere! [...] Gli omosessuali otterranno quello che chiedono e noi, parliamoci chiaro, noi che non li abbiamo mai potuti sopportare (solo che oggi non fa più fine dirlo), saremo alla fine soddisfatti. Avete finito di farvela bene, brutti sporcaccioni, adesso siete nella merda come noi. E ve la siete voluta.
Grazie anche per voler esprimere in modo così tenace questa opposizione per il nostro bene, per desiderare che la nostra vita continui in modo "LIBERO", come dal nome della testata giornalistica dalla quale è tratto il divertente ed elegante articolo. Peccato che molti abbiano l'abitudine (più sana) di attribuire a tale parola un significato ben più nobile rispetto al voler "liberamente" berciare grossolanamente rabbia, livore ed insulti nei confronti di centinaia di migliaia di persone.
...Ma ora, basta, suvvia, è ovvio che l'articolo è stato pubblicato per scherzo, a mo' di provocazione... Pareva quasi che leggendolo si respirasse un'atmosfera che richiamava alla mente un vago "ME NE FREGO!"... Possibile mai?

 

 


 

TORNA AD "ATTUALITA' E RIFLESSIONI"

 

 

 

 

Se desiderate leggere altre notizie o commenti su quanto accade nella nostra Società che al momento risultino davvero liberi e privi di condizionamenti politici o religiosi, potete collegarvi direttamente al già citato sito/blog di Beppe Grillo.

Se invece preferite semplicemente ascoltare una voce ugualmente libera da qualsivoglia influenza religiosa o di comodo, è possibile sintonizzarsi su Radio Radicale, che in questo senso sta svolgendo da sempre un'informazione molto completa, includendo gli interventi in diretta anche di ascoltatori aventi opposti punti di vista sugli argomenti più disparati, il tutto SENZA CENSURE. Approfitto anche per ricordarne le frequenze di ricezione in modulazione di frequenza. Le frequenze dei capoluoghi di regione sono evidenziate:

 

ROMA e provincia: FM 88.600

Roma Centro/Prati anche FM 102.400.

Più avanti altre località del Lazio

Milano: FM 87.850

Milano, Pavia, Lodi e province: FM 96.800

Provincia di LO: FM 101.850

Pavia e dintorni: FM 95.000

Varese: FM 96.700

Provincia di Varese: FM 96.800, 104.800

Como e dintorni: FM 93.500

Provincia di CO: FM 96.800

Lecco e dintorni: FM 100.100

Provincia di LC: FM 96.800

Sondrio e parte provincia: FM 90.000

Provincia di SO: FM 93.550

Bergamo: FM 89.550, 96.700

Provincia di BG: FM 96.700, 96.800, 104.500, 105.000

Cremona: FM 102.100, 101.850

Provincia di CR: FM 87.800, 96.800

Brescia: FM 102.300, 105.350

Provincia di BS: FM 104.200, 104.500, 104.600, 105.200, 105.300, 107.900

Mantova e dintorni: FM 98.600

Mantova e provincia: FM 105.200

Torino e provincia: FM 102.800 e 104.450

Provincia di TO: FM 101.400 e 94.900

Biella, Vercelli, Novara e province: FM 94.900

Provincia di NO: FM 96.800

Verbania e Stresa: FM 104.800

Alessandria e provincia: FM 95.000

Asti e parte provincia: FM 91.000

Cuneo e provincia: FM 95.200, 102.750

Aosta e dintorni: FM 106.100

Provincia di AO: FM 101.400, 102.000

Trento e provincia: FM 101.400 e 103.350

Provincia di TN: FM 96.600

Bolzano: FM 94.100

Provincia di BZ: FM 98.200, 99.500

Venezia, Padova, Treviso, Vicenza, Rovigo, Belluno e province: FM 104.700

Vicenza, Padova e province, parte prov. VE e TV: FM 105.500

Verona città: FM 91.200

Verona e provincia: FM 105.200

Provincia di BL: FM 102.750, 104.600, 104.900, 105.000, 105.500

Trieste: FM 91.000

Trieste e Friuli Venezia Giulia (intera regione): FM 105.500

Gorizia: FM 101.000

Udine e parte provincia: FM 91.000

Provincia di UD (Tarvisio): FM 105.200

Bologna e provincia: FM 92.000, 92.800 e 100.000.

Provincia di BO: FM 105.800, 97.100

Modena e parte provincia: FM 97.100

Provincia di MO: FM 91.400

Reggio Emilia e parte provincia: FM 91.400

Provincia di RE: FM 91.600

Parma: FM 89.900

Provincia di PR: FM 87.800, 91.400, 91.500

Piacenza e provincia: FM 101.850

Provincia di PC: FM 87.800

Ravenna: FM 105.850

Provincia di RA: FM 103.950, 105.800

Forlì e provincia: FM 103.950

Rimini e provincia: FM 103.850

Ferrara: FM 88.400, 102.850

Genova e parte provincia: FM 95.400 e 102.700

Provincia di GE: FM 98.500, 98.700, 107.700

La Spezia e dintorni: FM 104.900

Savona: FM 102.800

Savona e provincia: FM 95.400

Provincia di SV: FM 102.700

Imperia e dintorni: FM 89.000

Provincia di IM: FM 92.400, 105.700, 106.500

Firenze e provincia: FM 89.900 e 97.000

Provincia di Firenze: FM 98.650

Prato, Pistoia e province: FM 90.000, 98.650

Provincia di PT: FM 107.500

Lucca, Pisa e province: FM 104.900, 107.500

Carrara e Massa: FM 104.900

Provincia di MS: FM 97.700

Livorno e provincia: FM 104.900

Siena: FM 102.000, 104.900

Provincia di SI: FM 105.050

Arezzo e parte provincia: FM 104.900

Provincia di AR: FM 97.000, 105.050, 105.200

Perugia: FM 105.200

Perugia e provincia: FM 105.400

Provincia di PG: FM 105.050, 104.900

Terni e parte provincia: FM 92.100

Provincia di TR, Orvieto: FM 105.050

Ancona e parte provincia: FM 93.300

Provincia di AN: FM 105.500, 105.750

Pesaro: FM 93.300

Urbino: FM 91.700

Macerata e provincia: FM 105.500, 105.750

Ascoli Piceno e provincia: FM 100.400, 106.000

Provincia di Roma: FM 88.400, 97.200, 100.200, 103.900, 107.700

Viterbo, Latina e Rieti e province: FM 107.700

Provincia di RI: 105.050, 107.100, 107.300, 107.500

Provincia di VT: FM 88.100, 88.800, 105.050

Frosinone e provincia: FM 104.900

Provincia di FR: FM 103.900, 89.100, 98.100, 105.700, 107.600

Provincia di LT: FM 101.700, 104.700, 107.800

L'Aquila: FM 101.500

Provincia di AQ: FM 93.700, 101.200, 101.300, 107.700

Teramo e parte prov.: FM 90.300

Provincia di TE: FM 97.600 e 100.300

Pescara e parte provincia: FM 100.800

Chieti, Pescara e province: FM 100.300

Provincia di CH: FM 94.800, 104.800

Campobasso e parte provincia: FM 92.700

Provincia di CB: FM 94.800, 100.050, 100.300

Isernia e provincia: FM 94.800

Napoli, Caserta e province: FM 107.800, 101.600 e 101.800

Caserta e dintorni: FM 97.500

Salerno: FM 87.900

Provincia di SA: FM 87.800, 88.000, 90.100, 107.100, 107.300, 107.800, 107.900

Avellino e provincia: FM 107.900

Benevento e provincia: FM 89.500

Provincia di BN: FM 107.900

Bari: FM 89.350

Provincia di BA: FM 87.700, 88.500, 89.600, 91.300, 99.900, 100.050

Foggia e provincia: FM 100.050

Brindisi: FM 101.500

Provincia di BR: 87.700, 89.600

Lecce e dintorni: FM 88.300

Provincia di LE: FM 89.600, 104.800

Taranto e provincia: FM 87.500, 89.400, 89.600

Potenza: FM 92.450 e 102.900

Provincia di PZ: FM 100.050, 107.100, 107.300

Matera e provincia: FM 88.500, 91.300, 107.250

Provincia di MT: 87.500, 89.600

Catanzaro: FM 101.000

Provincia di CZ: FM 97.800, 101.000, 103.700, 107.300

Cosenza e parte provincia: FM 104.500

Provincia di CS: FM 103.700, 107.300 (x costa Tirrenica)

Crotone e provincia: FM 92.900

Vibo Valentia e provincia: FM 101.000, 107.300

Provincia di VV: 88.500

Reggio Calabria e parte provincia: FM 96.100

Provincia di RC: FM 88.500, 90.700

Palermo e provincia: FM 92.000

Provincia di PA: FM 103.000

Messina e parte provincia: FM 96.100

Provincia di ME: FM 90.700

Catania e provincia: 90.700

Provincia di CT: FM 102.000

Siracusa: FM 90.700

Provincia di SR: FM 102.000

Ragusa e provincia: FM 102.000

Enna e provincia: FM 97.200

Caltanissetta e provincia: FM 102.000

Agrigento e dintorni: FM 103.700

Provincia di AG (Lampedusa): FM 107.400

Trapani e parte provincia: FM 103.300

Provincia di TP: FM 103.000, 99.700

Cagliari: FM 102.300

Cagliari e provincia: FM 107.000

Sassari: FM 106.500

Provincia di SS: FM 104.300

Oristano e provincia: FM 104.800

Nuoro e provincia: FM 104.300

Provincia di NU: FM 104.800, 107.000

 

 

 Per ricevere il segnale via Satellite (EUTELSAT), questi sono i parametri:

Satellite: Hotbird 13 est

Frequenza: 12111 MHz

Polarizzazione: Verticale

Symbol Rate: 27500

FEC: 3/4

Service ID (SID): 761

Pid Audio: 72

 

 

TORNA AD "ATTUALITA' E RIFLESSIONI"

 

 

Info e contatti: info@gamberini.net

 

 

Home Page

Mi presento... Immagini Dance & Remix World Links TV via SAT e SKY